Turista milanese offende la cameriera, il b&b lo caccia

Dovremmo rifletterci tutti e volerci bene e soprattutto difenderci l’ un l’ altro . … nord e sud

Allusioni e frasi razziste nei confronti di una ragazza italiana, di origini ghanesi, dipendente della  struttura. Sono queste le motivazioni che hanno spinto la responsabile del B&B di Palermo,  a cacciare un turista milanese che stava trascorrendo lì le sue vacanze.

La responsabile ha raccontato l’episodio tramite un post sulla pagina Facebook del B&B, in cui si è rivolta direttamente al turista di Milano: “Caro ospite ignorante, – ha scritto la donna – per noi nascere a Palermo è sufficiente per essere italiani e se per te i siciliani non lo sono, stattene serenamente a casa tua”.

L’uomo, stando ai racconti della donna, avrebbe fatto dichiarazioni sulla superiorità dei “veri” italiani rispetto ai migranti. Esternazioni cui la responsabile ha risposto nel post su Facebook: “Se pensi che  il “vero italiano” sia un essere superiore, noi tutti siamo più italiani di te!”.

La donna poi ha rincarato la dose, sottolineando come sia fiera della scelta che ha fatto, ovvero sbattere fuori l’uomo dalla struttura: “Felice di averti, con il sorriso, sbattuto la porta in faccia perché qui è casa mia e non diamo il benvenuto a chi non lo merita. . E il post si conclude con alcune emoticon che rappresentano i diversi colori di pelle degli esseri umani e un arcobaleno.

Il post ha ottenuto un grande numero di commenti e condivisioni. “Brava!!!!!! W Palermo dell’accoglienza, della cultura antica e dei sorrisi gioiosi come quello della tua collaboratrice, lunga vita a chi crede nel domani e all’appartenenza a questa nostra splendida terra” scrive un utente. Mentre in un altro commento si legge: “Recandomi spesso a Palermo, spero di onorarmi presto della vostra ospitalità”.

Condividi questo post